Turismo Scolastico

14 anni di esperienza nel turismo scolastico e migliaia di ragazzi trasportati. Proposte di viaggio ad elevato valore culturale, storicoartistico e naturalistico-ambientale capaci di favorire il coinvolgimento diretto di ogni studente. Itinerari, lezioni didattiche in classe e laboratori manuali che approfondiscono ed integrano i programmi scolastici nati dalla volontà di dare ai viaggi d’istruzione un valore di esperienza formativa. Creazione di viaggi su misura, programmi adattabili alle specifiche richieste di ogni singola classe ed elaborati per i differenti ordini scolastici. Utilizzo di materiale didattico come strumento di apprendimento e di continuità al programma scolastico. Massimo impegno nel rispetto delle normative ministeriali, con un’attenta selezione dei vettori per il trasporto in pullman e delle misure di sicurezza. Attenzione all’aspetto economico con tariffe vantaggiose in periodi di bassa stagione. Garanzia di figure professionali con pluriennale esperienza nella didattica. Monitoraggio continuo sulla qualità dei viaggi attraverso un costante aggiornamento delle destinazioni e impegno a garantire la massima soddisfazione dei nostri clienti. Attenzione a verificare l’accessibilità dei luoghi, delle strutture e delle attività didattiche proposte cercando di soddisfare anche le esigenze di studenti con bisogni speciali. Una qualità che mantiene fede alla nostra missione secondo la quale il viaggio d’istruzione diventa motivo di apprendimento e di stimolo alla conoscenza, se strutturato ed organizzato.
Entracque
1 gg

In mattinata si andrà alla scoperta dell'acqua come risorsa pulita e rinnovabile per produrre energia attraverso la visita degli impianti della Centrale Idroelettrica Luigi Einaudi di Entracque. A bordo di un trenino ci si addentrerà infatti in questo affascinante mondo sotterraneo, dove si visiterà la sala macchine. Nel pomeriggio le guide del Parco delle Alpi Marittime condurranno i ragazzi alla scoperta del torrente, per analizzare le relazioni tra acqua, paesaggio ed esseri viventi, osservandone ed analizzandone gli aspetti fisici e biologici.

Bene Vagienna
1 gg

Una giornata interamente dedicata a riprodurre alcune delle più significative scoperte scientifiche dell’antichità. Dalla levigazione dell’osso alla realizzazione della copia del fegato di Piacenza etrusco, dalla grande capacità degli Egizi nel costruire oggetti per misurare il tempo sino alla possibilità di ricostruire l’eccezionale archipendolo romano. Durante la giornata i ragazzi sperimenteranno in prima persona l’evoluzione del pensiero scientifico dell’uomo. Ogni oggetto realizzato sarà di proprietà dei ragazzi per poter svolgere ulteriori approfondimenti in classe.

Castellar e Saluzzo
1 gg

L’itinerario si svolge a Castellar, piccolo paese in cui è ancora viva la tradizione dello spaventapasseri, silenzioso soldato arruolato dagli agricoltori per difendere i raccolti. Con una passeggiata nel borgo i bambini saranno guidati alla riflessione sul rapporto dell’uomo con la natura e sulla nascita dell’agricoltura, fino ad arrivare allo spaventapasseri creato dall’uomo per difendere il proprio lavoro. Si affronterà anche il tema della sua presenza nella letteratura e nel cinema. Il percorso proseguirà presso una cascina a Saluzzo, dove si effettuerà il laboratorio di costruzione dello spaventapasseri con tecniche e materiali adeguati all’età dei partecipanti.

Bene Vagienna
1 gg

In questo itinerario i ragazzi si troveranno di fronte al focolare per preparare due dei materiali più utilizzati nella vita quotidiana: il sapone con cui lavare i panni e la lana con cui coprirsi. Nei suggestivi ambienti di Villa i Frati a Bene Vagienna, la mattinata è dedicata ad attività quali la pulitura della lana grezza e la realizzazione del sapone di burro ed olio. I laboratori continueranno con la tintura di un batuffolo di lana con tecniche del passato e la realizzazione di un piccolo sapone profumato, che gli studenti potranno portare a casa come ricordo della giornata.

Frabosa Soprana
1 gg

In mattinata i ragazzi visiteranno le Grotte di Bossea, tra le più spettacolari in Italia per l’ampiezza dei saloni e arricchite dalla presenza della prima galleria permanente dedicata all'arte contemporanea mai allestita in un contesto naturale. Nel pomeriggio i ragazzi costruiranno e decoreranno ciascuno il proprio campanello di coccio, in ossequio alla leggenda locale secondo la quale proprio utilizzando quei campanelli, nel corso di una notte colma di mistero e di magia, gli gnomi della terra avrebbero svegliato gli scopritori della grotta per istruirli e guidarli verso una rivelazione che avrebbe per sempre cambiato in meglio la loro vita ed il loro destino.

Isasca e Brossasco
1 gg

La giornata è dedicata all’albero in tutte le sue forme: in mattinata ad Isasca gli studenti potranno osservare l’interno di una corteccia, scenderanno sotto terra per conoscere da vicino le diverse tipologie di radici, riconosceranno quanti oggetti di uso quotidiano derivano dagli alberi, fino a cimentarsi nella progettazione di abitazioni in legno. Nel pomeriggio si raggiungerà Brossasco, dove sarà possibile mettere a frutto le competenze acquisite durante la mattinata attraverso un laboratorio in cui gli studenti lavoreranno come piccoli falegnami realizzando il proprio oggetto di legno.

Pancalieri e Racconigi
1 gg
Un percorso per riscoprire alcune delle tradizioni che in passato hanno reso il Piemonte famoso in tutto il mondo. In mattinata si visiterà il Museo della Menta e delle Piante Officinali di Pancalieri, dove sarà possibile ricostruire la storia della rinomata Menta Piperita e conoscere le Piante Officinali, riconoscere i loro profumi, le lavorazioni e gli utilizzi. Al termine, attraverso un laboratorio sensoriale, verranno proposti ai ragazzi Oli Essenziali e Piante Officinali Essiccate: odorandoli, impareranno a riconoscere profumi e utilizzi. Nel pomeriggio si andrà alla scoperta del Museo della Seta di Racconigi, città che nel ‘700 ospitò ben trenta setifici. Durante la visita si ricostruirà la storia del tessuto a partire dal baco fino alle pregiate stoffe che hanno impreziosito le corti di tutto il mondo.
Ostana
1 gg
Scenario della giornata è Ostana, piccolo paese di borgate dove è ancora oggi possibile assaporare la magia della vita in montagna. In mattinata è prevista una passeggiata alla scoperta delle diverse borgate che compongono il paese, ognuna caratterizzata da un proprio stile architettonico e un proprio paesaggio. Nel pomeriggio si andrà alla scoperta del Museo Etnografico, dedicato alla vita di inizio ‘900, quando Ostana contava più di mille abitanti. Qui sarà possibile scoprire gli attrezzi degli antichi mestieri, leggere i vecchi quaderni di scuola e approfondire le tradizioni locali. Al termine i ragazzi potranno cimentarsi con le attrazioni del Parco Avventura, per chiudere la giornata all’insegna del divertimento!
Parco Naturale del Gran Bosco di Salbertrand
1 gg

Nella piccola aula allestita presso l'ecomuseo i moderni alunni potranno trovare antichi banchi, penne, pennini e calamai, cartelle e portapenne in legno, libri e quaderni d'epoca, la piccola stufa alimentata con la legna portata da casa e rivivere le atmosfere della scuola di un tempo cimentandosi in prove di "Bella Calligrafia" e lavoretti manuali. Lo spazio dedicato ai giochi del passato fornirà gli spunti per l'uscita all'interno del Parco alla ricerca di materiali naturali (pigne, legni, sassi, noci, bacche…) per costruire e divertirsi con i giochi dei nonni…

Pietraporzio
1 gg

In mattinata i ragazzi raggiungeranno Pietraporzio, incantevole paese in cui le bellezze della natura incontaminata si fondono con le antiche tradizioni. Qui potranno visitare un’azienda che produce sapone utilizzando ingredienti e tecniche che mescolano i segreti dei Maître Savonniers francesi della vicina città di Marsiglia e le ricette delle “nonne” del Piemonte; al termine potranno realizzare composizioni personalizzate da portare a casa. Nel pomeriggio, dopo alcuni momenti di animazione con musiche e danze occitane, è prevista una passeggiata alla scoperta della flora e della fauna sul sentiero dell’Ecomuseo della Pastorizia.

Pagine