Viaggi in Italia

Viareggio
Domenica 12/03/2017
1 gg
Un viaggio attraverso la storia, le tradizioni e la cultura che hanno caratterizzato il Carnevale di Viareggio, uno dei più importanti d'Italia e d'Europa. Da ben 144 anni, una festa ricca di colori sgargianti, musiche allegre, maschere coloratissime e giganteschi carri allegorici realizzati in cartapesta. La regina incontrastata del Carnevale di Viareggio è la cartapesta che ben testimonia l’originalità e la creatività di tanti artisti locali: semplici materiali di riciclo come giornali, colla, creta e gesso si trasformano, quasi per incanto, in vivaci carri allegorici ispirati sempre a temi di attualità, politica e costume. I monumentali carri sfilano lungo la passeggiata a mare viareggina, un viale lungo oltre tre chilometri che si snoda tra i bellissimi edifici in stile Liberty e le notissime spiagge del mar Tirreno. Al termine della sfilata, spettacolo pirotecnico presso il luogo dei rituali carnevaleschi viareggini, l’arenile antistante piazza Mazzini. Si tratta di un vero e proprio rito, in quanto il fuoco artificiale a Viareggio simboleggia l’antico rogo di Re Carnevale.
Milano
Sabato 18/02/2017
1 gg
Il percorso sulle Streghe, le leggende, i fantasmi e i misteri di Milano è una passeggiata alla scoperta di una Milano misteriosa, o meglio, stregata. Quante vie, piazze palazzi o chiese sono stati teatro di fatti avvolti nella magia e nel mistero? Attraverso un viaggio a ritroso nel tempo, proveremo a dare una voce a personaggi un po’ diversi dal solito come: streghe, fantasmi e demoni che ci condurranno in una Milano quasi un po' paurosa. Dalla Chiesa di San Bernardino alle Ossa, passando per palazzi infestati dai fantasmi e per antichi luoghi di sabba di streghe, giungeremo fino a Piazza della Vetra e il suo celebre "ponte della morte", da cui si transitava prima di giungere alla zona dove avvenivano le condanne a morte. Una passeggiata fra luoghi in cui leggenda e storia si mescolano, dove l'immaginazione popolare si è intrecciata con persecuzioni realmente avvenute, dove gli aloni di mistero si mescolano con le azioni dell'Inquisizione, di San Pietro Martire, di Carlo Borromeo e di tanti altri importanti personaggi della storia di Milano, in un percorso che affascina e spaventa...
Aosta
Lunedì 30/01/2017
1 gg
Nel dialetto valdostano, il patois, "Veillà" vuol dire "veglia". Oggigiorno, si preferisce sostituire utilizzare la definizione ‘Notte Bianca’ al posto di ‘veglia’ ma per coloro che seguono la vecchia scuola e considerano le antiche tradizioni come parte del divertimento, la ‘Veillà’ è l’appuntamento giusto! La notte fra il 30 e il 31 gennaio, i valdostani vegliano nell’attesa della festa patronale dedicata a Sant’Orso protettore dei valligiani, da secoli celebrata il 31 gennaio. Una festa che si esprime all’insegna della spontaneità: dalle 19,00 in poi, passeggiando nelle vie di Aosta (…la splendida Augusta Praetoria di romana memoria…) si possono incontrare cori che improvvisano concerti ed esibizioni di gruppi folkoristici. In occasione della festa, i residenti aprono le ‘crotte’, le cantine del borgo, proponendo musica, momenti conviviali, degustazioni di prodotti tipici e il vin brulè, grande protagonista della Veillà.
Milano
Sabato 28/01/2017
1 gg
L'esposizione conta oltre 200 silografie policrome e libri illustrati provenienti dalla prestigiosa collezione del Honolulu Museum of Art, in un progetto organizzato dal Comune di Milano. La mostra metterà in luce da una parte le peculiarità tecniche, l'abilità e l'eccentricità dei singoli artisti, dall'altra lo sviluppo del mercato dell'immagine che fiorì in epoca Edo sotto il potere degli shōgun Tokugawa durante un periodo di pace di oltre duecentocinquant'anni. I soggetti più richiesti erano le località e i paesaggi celebri, i temi alla moda e i volti noti di beltà femminili e attori kabuki. Quegli stessi luoghi e volti del Giappone che conquistarono l'Occidente da metà Ottocento. Le opere di Hokusai, Hiroshige e Utamaro suddivise in cinque sezioni presentano i temi e i soggetti più rappresentati tra la fine del Settecento e l'inizio dell'Ottocento e intorno ai quali si svilupparono inevitabilmente rivalità, prima ancora che tra gli artisti, tra gli editori che producevano le opere e si contendevano i migliori pittori, incisori e stampatori per dar vita a serie di stampe sempre diverse, verticali, orizzontali, a forma di ventaglio o in formato di libro per soddisfare un mercato dell'editoria sempre più esigente e ampio.

Marchi

BUSCOMPANYPI: 00893890012
Linea Verde GIACHINOPI: 10420190018

Seguici su Facebook